La prima moto al mondo che vola (Dicono) oggi è realtà: ecco la Kirby. –Fonte Virgilio Motori–

,

Non si tratta di un esperimento, ma di un vero mezzo pronto alla commercializzazione di massa

 

Rosa Motor Company è il produttore americano e il suo progetto ha dell’incredibile, una moto che vola, la prima al mondo.

Ma c’è qualcosa che stupisce ancora di più, ovvero il fatto che si tratta di un progetto che non prevede un modello di prova o un prototipo destinato a non entrare mai in produzione, anzi. La moto verrà commercializzata sul mercato e il suo prezzo non sarà diverso da quello delle altre due ruote di alto livello. Non vedremo quindi solo il “modellino” a fiere e eventi, come mezzo di vanto da parte del produttore, ma ci aspettiamo una produzione di massa.

Il nome di questo veicolo mai visto fino ad oggi è Kirby, una moto che voleràdavvero e che, oltretutto, avrà la motorizzazione 100% elettrica più potente di un classico motore da 1.000cc, proprio come è segnalato sul progetto Kickstarter e secondo quanto dichiarato dall’azienda. Ovviamente l’elemento che più ci lascia a bocca aperta è la possibilità di far rientrare completamente le due ruote, in modo che la moto possa decollare e prendere il volo.

Kirby sarà davvero in grado di perdere il contatto con il manto stradale e di procedere librando nell’aria, una capacità che va oltre la nostra immaginazione. Il vantaggio di questa tecnologia chiaramente c’è ed è notevole. Innanzitutto l’attrito inesistente consente di avere una resa del motore ai massimi livelli, soprattutto durante l’accelerazione. Il contatto con il terreno si annulla completamente e rende molto facile quindi, ad esempio, muoversi su terreni accidentati. Potrebbe anche essere usato nei territori colpiti da frane o tra edifici in rovina, muovendosi agilmente “in aria”.

Sembra tutto semplice e fantastico, quasi incredibile. Effettivamente l’accelerazione necessaria per alzarsi da terra è molta. Viene quasi da pensare che la moto non riesca in questa impresa oppure che possa farlo nelle autostrade o comunque su via ad alta velocità e invece non riesca a muoversi in agilità sulle provinciali o comunque sulle strade più piccole e lente.

Quello che ci resta da fare è solo attendere e vedere come sarà Kirby, aspettiamo almeno il primo prototipo funzionante prima di trarre conclusioni affrettate; anche se la somma di finanziamenti ottenuti non lascia pensare a nulla di positivo, anzi. A breve comunque sembra che la Casa sarà in gradi di mostrarci qualcosa in più.

Il Grillo Bastardo è scettico….molto scettico

 Tra gli anni 80 e 90, secondo l’immaginario collettivo le auto e le moto avrebbero volato nel giro di una trentina d’anni al massimo. A oggi, i mezzi che fluttuano tra un grattacielo e l’altro si vedono giusto al cinema (siamo ancora agli inizi dell’auto elettrica…) ma qualcuno crede ancora in questa tecnologia: la startup americana Rosa Motors, con sede in Florida, sta raccogliendo fondi per sviluppare un’incredibile moto volante chiamata Kirby, di cui per ora c’è solamente l’idea e qualche disegno. Se fosse il primo di aprile si potrebbe pensare a un bel pesce. Ma siamo a Natale e i ragazzi della Rosa Motors ci credono sul serio al punto da aver lanciato un crowdfounding. Se siete interessati a contribuire, comunque, date un’occhiata alla loro pagina su Kickstarter. Mossa da un potente motore elettrico, ha le classiche forme di una moto tradizionale: due ruote con relativi pneumatici e carrozzeria affusolata. Le ruote però sono agganciate a dei bracci retrattili: come avviene sugli aerei, la Kirby corre su due ruote fino a una velocità prefissata (che dovrebbe attestarsi sui 300 km/h). Oltre questa velocità si libra in volo, e per farlo sfrutta un complesso e costoso fenomeno fisico: la superconduttività che si verifica a bassissime temperature e che permette di generare degli intensi campi magnetici. La spinta propulsiva in aria, poi, sarebbe garantita da quattro turbine, mosse dal motore elettrico principale. Fantascienza? Con tutta probabilità, . Troppi elementi stridono: sul sito ufficiale non è dichiarato né quando, né come verrà prodotta, ma soprattutto la richiesta di finanziamento privato su Kickstarter è troppo esigua per un progetto del genere: 17.000 dollari. Terremo comunque alta l’attenzione…

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *