Patek Philippe Henry Graves Supercomplication -di Loris Gobbo-

C’è chi colleziona arte, chi colleziona auto, chi colleziona i giochetti dell’uovo di Pasqua e chi colleziona orologi. Ed è di un orologio prodigioso che voglio parlarvi oggi. Lo spunto naturalmente viene dal fatto di cronaca. Nei giorni scorsi il famoso orologio di Patek Philippe, denominato Henry Graves Supercomplication, è stato venduto all’asta a Ginevra per oltre 20 milioni di franchi. Incredibile vero? Non è assolutamente mia intenzione entrare nel merito del prezzo o in quello di chi possa permettersi un tale acquisto. Dunque vi risparmierò i giudizi, lo stupore e il vago senso di nausea che mi è venuto leggendo la notizia. Mi voglio concentrare, invece, sull’unicità del pezzo che Sotheby’s ha battuto sul Lago Lemano.

Conosciuto dagli intenditori come la “Monna Lisa” o anche come il “Sacro Graal” degli orologi, il Supercomplication, fu commissionato alla casa Svizzera da Henry Graves, banchiere di New York appassionato di orologi, nel 1927. L’orologio fu consegnato al proprietario dopo 3 anni di progettazione e 5 anni di realizzazione e costò nel 1933 la ragguardevole somma di 60000 franchi svizzeri. Il banchiere americano aveva fatto una sola richiesta alla Patek Philippe. Infatti il nuovo orologio doveva possedere molte più “complicazioni” dell’orologio da taschino Grande Complication che Vacheron & Constantin avevano realizzato per James Ward Packard, insomma una scommessa fra ricchi zio Paperone. Ora per i più, che non si intendono di orologi, le “complicazioni” sono tutte quelle funzioni che sono aggiuntive alla pura visualizzazione dell’ora. Infatti l’orologio da taschino in questione oltre a combinare, come recita la descrizione di Sotheby’s, “l’ideale Rinascimentale della bellezza e maestria con il massimo della tecnologia” offre anche ben 24 complicazioni. Per lunghissimo tempo record assoluto in un solo orologio. Ed ecco la lista delle complicazioni:

Per l’indicazione dell’ora
Le ore, minuti e secondi di tempo siderale (3)

L’ora del tramonto e l’alba (2)

L’equazione del tempo

calendario

Il calendario perpetuo

I giorni del mese

 

I giorni della settimana

i mesi

La mappa celeste

L’età e le fasi della luna

Cronografo (cronometro)

Il Cronografo

Split secondi

Il registratore 30 minuti

Il registratore 12 ore

il Chime (cioè il meccanismo che scandisce le mezze ore e le ore)

La “Grande Sonnerie” (Westminster carillon) con carillon

La “Petite Sonnerie” con Carillon

La ripetizione minuti

La sveglia

Altre funzioni

The going train up-down indication

The striking train up/down indication

The twin barrel differential winding

The three-way setting system

Ultima curiosità. La mappa celeste incorporata in questo capolavoro mostra il cielo notturno come si vedeva dall’appartamento di Mister Graves, prospiciente Central Park a New York, ed è incredibilmente precisa, mostrando la magnitudine delle stelle, la loro distanza, il tutto ruotando insieme al cielo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *