Quanto costa realmente una crociera? Di Loris Gobbo

Quando intendiamo prenotare una crociera, la prima cosa che controlliamo è il prezzo che ci viene proposto in agenzia o via web. Ma si risolte tutto così? Nemmeno per sogno! Il prezzo di partenza è solo il principio e i calcoli totali sono appena all’inizio.

La crociera ci viene sempre proposta come all-inclusive rispetto ad altri tipi di vacanza, e già solo sentire questa parolina magica ci fa stare tranquilli ma non ci permette realmente di fare un calcolo completo della crociera!

Cerchiamo di capire cosa è in realtà compreso e cosa no, e cerchiamo di trovare un sistema per fare un calcolo totale per verificare se si rientra o meno nel budget stimato per la vacanza. Che cosa è incluso:

Caspita: abbiamo appena ricevuto un’offerta incredibile via email! Una settimana di crociera a 499 euro: magnifico! Tranne poi verificare che nella stragrande maggioranza dei casi al prezzo vanno aggiunte le tasse portuali e i diritti vari.

Fate sempre in modo di capire subito se queste voci siano o meno comprese perchè fanno aumentare considerevolmente il prezzo di base.

499€ dicevo: ma a quale categoria di cabina ci si riferisce? Mai una volta che sia specificato! Ovviamente si impara che il prezzo pubblicizzato è praticamente sempre rivolto alla categoria inferiore di cabine, cioè le cabine interne. E più si sale di categoria più sale il prezzo: inoltre in genere la sistemazione è di due persone per cabina, quindi sistemazione doppia, mentre se siete in 3,4 o 5 o se invece viaggiate da soli, il prezzo cambia notevolmente (specie con le cabine singole o uso sigole il sovraprezzo è molto alto). Nel prezzo è incluso il mangiare al buffet e nei ristoranti principale, mentre non tutti i ristoranti presenti a bordo sono gratuiti ma possono chiedere una cifra che sebbene non altissima, incide sul budget se non lo si è preventivato.

  Sono incluse solo poche bevande nel prezzo, che cambiano notevolmente, anche in quantità e disponibilità, a seconda della Compagnia di crociera: si va da Compagnie che offrono ad esempio come acqua quella desalinizzata, davvero disgustosa, a quella che invece offre tranquillamente l’acqua minerale; compresi thè, caffè americano, una limitata scelta di succhi di frutta (anche qui ci sono differenze tra Compagnie notevoli).

Tutto il resto delle bevande è a pagamento (e nella maggior parte dei casi consiglio sempre di usufruire di un all-inclusive, perchè i costi lievitano molto velocemente e un tutto incluso fa realmente risparmiare una marea di soldi!).

Tra ciò che è compreso rientrano anche gli spettacoli nei teatri e nei vari saloni della nave: rimangono a pagamento spettacoli particolari, come ad esempio i cinema 3D e 4D, i simulatori di auto da Formula1, i giochi più tecnologici etc.

Cosa non è compreso

Sicuramente il 90% dei casi il prezzo non comprende nè biglietto aereo nè trasferimenti alcuni, a meno che non siano espressamente specificati: queste voci incidono notevolmente sul prezzo, facendolo aumentare vertiginosamente, tanto è vero che in tantissimi casi (vedi offertissime per i Caraibi) il biglietto aereo costa anche tre volte la crociera stessa.

Non è inclusa nemmeno la polizza assicurativa: in realtà non incide tantissimo, si trovano ottime polizze anche sui 30 euro a persona, ma è comunque una spesa da aggiungere al totale.

Nella maggior parte dei casi, il grosso di un budget della crociera va destinato alle spese di bordo: bevande, escursioni, acquisti di gadgets, partecipazione ai giochi a pagamento come l’amatissimo (non da me), immancabile Bingo pomeridiano. Per le escursioni fatte con la Compagnia, calcolate una cifra che varia da un minimo di 35 euro ad un massimo di 500. Dipende molto da ciò che si sceglie: un giro in autobus avrà sicuramente un costo inferiore ad un giro in elicottero su Dubai!

Questa voce potete tranquillamente gestirla anche da soli, optando per il fai da te oppure utilizzando altre guide in loco, ma rimane comunque una voce che va tenuta in considerazione nella compilazione del budget che occorre in crociera.

Una volta a bordo poi è realmente difficile non cedere alle mille tentazioni, che sono lì, a portata di mano: mettete quindi in calcolo una cena in un ristorante di specialità o una puntatina alla Spa o dal parrucchiere o un giro nei negozi di bordo…a qualcuna di queste tentazioni son sicura che non riuscirete a dire di no! Ricordate comunque che una volta a bordo potrete tenere sotto controllo la vostra spesa a bordo in tempo reale, grazie alla tv interattiva in cabina o nei point sparsi sulla nave (ove presenti) o direttamente dal commissario di bordo, soprattutto se notate voci che non vi tornano. Meglio intervenire subito.

Una voce che non viene mai indicata ma di cui dovrete tener conto, è la tassa di servizio o quota di servizio, cioè quella quota che è destinata all’equipaggio e che generalmente si aggira dagli 8.50 ai 12 euro al giorno (a seconda della Compagnia). Ultimamente la maggior parte delle Compagnie permette di poterle stornare dal vostro conto (ricordatevi di farlo o le pagherete), ma fate attenzione perchè non tutte lo permettono. Se fate due conti si va dai 60 agli 85 euro a testa per una settimana di crociera: un costo che se obbligatorio dovrete mettere assolutamente in conto!

Le voci che incidono di più nel budget

Ci sono delle voci che incidono in modo particolare nella costruzione di un budget ideale che più si avvicina alla realtà di ciò che si andrà realmente a spendere: sono quelle a cui non ci si pensa ma che possono incidere notevolmente.

Vediamo quali sono:

Attività: come ho detto appena poche righe fa, ci sono attività che sono assolutamente gratuite, ma ce ne sono altrettante altre a pagamento e che negli ultimi anni stanno avendo un successo incredibile, per la qualità che offrono. Si tratta ad esempio di corsi di cucina, di ginnastica, degustazioni e così via. Ottima qualità e prezzo abbordabile, ne fanno un must a cui difficilmente si riesce a resistere!! Quindi mettete in budget almeno una cinquantina di euro in più a loro dedicati! Se poi intendete fare una puntatina al casinò…il mio suggerimento è solo uno: stabilite un budget e da lì non vi muovete!! Il rischio di farsi prendere la mano è molto alto!

Ristoranti alternativi: sono i cosiddetti ristoranti di specialità. Il loro costo non è proibitivo ed è proprio questo che ci può far perdere la bussola! Ci sono navi dove son presenti sino a 20 diversi ristoranti e sapete benissimo quanto è dura resistere al personale che vi chiede di entrare e provare le loro specialità: vi assicuro che davanti alla prospettiva di mangiare tutto ciò che vogliamo a soli 10 euro sarà difficile resistere (è un mio tallone d’Achille lo ammetto!!!). I prezzi sono inferiori alla terraferma, ma ciò che può fare lievitare abbondantemente il prezzo iniziale son le bevande (se non avete un all inclusive in particolar modo!). Cocktail e bevute in generale: ricordate che solo le seguenti Compagnie, Crystal, Seaborn, Silversea e Regent Seven Seas, le uniche che realmente nel prezzo hanno l’all inclusive totale (e il prezzo della crociera ovviamente non si avvicina nemmeno da lontano a cifre sotto i 1500 euro a testa), in tutte le altre, tutto ciò che è alcolico si paga extra. Anche qui i prezzi non sono proibitivi, ma come state notando, aggiungi qui, aggiungi lì, stiamo arrivando ad un budget che nemmeno per sogno rimane quello inizialmente prospettato.

Cocktail sono considerati anche quelli analcolici, assolutamente uno spettacolo per la vista e per il gusto, ma considerate di inserire nella lista anche qualche bottiglia d’acqua (questa è forse l’unica bevanda a bordo che si paga veramente un botto!), dei caffè italiani (a cui per esempio io non riesco a rinunciare!), qualche bicchiere di vino per festeggiare una sera con gli amici appena conosciuti a bordo…le occasioni non mancheranno mai ed è per questo che insisto sempre per fare l’all inclusive bevande.

Se fate due conti il prezzo è subito ripagato e non avrete limitazioni (solo per alcune bottiglie particolarmente rinomate e qualche super alcolico non in elenco): due bottiglie d’acqua al giorno, due cocktail, dai 2 ai 4 caffè italiani al giorno e avrete superato senza problemi il costo quotidiano di un all inclusive bevande! Nell’ultima crociera, facendo i conti con tutto ciò che abbiamo bevuto in due al giorno, abbiamo risparmaito circa 800 euro (si, lo so, non ci siamo limitati :P).

Se non volete spendere per un all inclusive totale, potrete sempre acquistare i pacchetti separati acqua/caffè o acqua/birra o acqua/vino. Le scelte son tante: se acquistate prima di partire potrete risparmiare ancora qualcosa, mentre se acquistate poco prima di salire a bordo o mentre siete a bordo, il costo è sicuramente più alto.

Suggerimento: a cena, se avete ordinato una bottiglia di vino ma non riuscite a finirla, chiedete la gentilezza al cameriere perchè ve lo possa servire la cena successiva. Perchè sprecarlo se lo avete pagato?

Lavanderia: posto che in una crociera di 7 giorni difficilmente la si utilizza, ci sono a volte occasioni in cui non è possibile farne a meno. Come quando mi son completamente distrutta i jeans che indossavo all’imbarco con del grasso che andava assolutamente tolto! I costi sono abbordabili, anzi in genere due giorni prima di sbarcare arriva sempre una promo e in tanti non rinunciano ad avere in valigia abiti puliti e stirati, che ci sollevano dalle lavatrici multiple tipiche del rientro a casa! Parlo di abiti di tutti i giorni: per quelli speciali, io personalmente preferisco fare nella mia lavanderia di fiducia al rientro.

Telefonare e navigare a bordo: questo è un tasto dolente. Tranne che in pochissime Compagnie, dove ci si è adeguati a standard eccellenti per le comunicazioni, nella maggior parte ancora le comunicazioni sono il tasto dolente anzi dolentissimo! Internet lento come mai vi ricorderete possa essere, costi proibitivi, minuti spesi solo per il raggiungere il collegamento, non parliamo nemmeno di spedire filmati, perchè sarà realmente difficile riuscire a farlo. Ora: partendo dal presupposto che una vacanza in crociera potremo prenderla anche dai social, per i nostri ragazzi sarà invece molto difficile non potersi collegare. I pacchetti e i loro costi li ho trattati precedentemente a questo link.

Foto ricordo: ancora prima di salire a bordo, vi sarà chiesto di posare per una foto ricordo. Farla non significa acquistarla, state tranquilli. Tuttavia non si può certo dire che le fotografie che ci scattano siano a buon prezzo, perchè direi una bugia enorme. I prezzi variano dai 12 euro per una piccola stampa fino a 20 euro per una stampa grande. Per ogni foto, vorrei sottolineare! Poco prima di sbarcare ci vengono proposti degli sconti, e qualche foto ci viene offerta in omaggio, ma il costo singolo è comunque davvero molto alto. Decisione personale prenderle o meno. Io almeno una o due in genere le acquisto, giusto per avere un ricordo con una foto professionale. Ma mai più di due.

Suggerimento: non dimenticate le batterie o la scheda di memoria di riserva per la vostra macchina fotografica, perchè a bordo vi costerebbe una fortuna! Al limite potrete acquistarla durante una delle discese a terra.

   Shopping a bordo: troverete di tutto nelle boutique di bordo. Più è grande la nave, più è grande la galleria di negozi. Troverete i souvenir economici, a volte esposti in una sorta di mercato all’aperto nei vari ponti, ai negozi di marche famose, ai gioielli, agli orologi preziosi. Tutto a prezzi da duty-free: fate attenzione e non cedete alle tentazioni senza ragionarci sopra. A volte si trovano artcioli di marca a prezzi davvero convenienti altre volte ho trovato le stesse cose a terra ad un prezzo inferiore!

Suggerimento: datevi assolutamente un limite di budget o il rischio di esagerare è altissimo!

I trattamenti estetici: so che molti di voi non li considerano nemmeno, ma a volte ci vengono proposti a dei prezzi irrisori per cui l’idea di provarli mi sfiora eccome! Ricordo di un episodio: non scesi a terra in escursione e ai pochissimi ospiti presenti a bordo, fu offerto un percorso completo in Spa (ad eccezione dei massaggi) a soli 25 euro…come rinunciare? Ecco, non ho rinunciato affatto

Queste le voci maggiori che incidono nel budget: per ricapitolare, una crociera quanto costa realmente? Lo abbiamo semplificato in uno schema.            

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *